#seseialcocoasivede

Fine settimana  formativo  al maneggio  San Benedetto di  Favara con un maestro d’eccezione Jacques Cavè, responsabile del settore ludico F.I.S.E.

Redazione SikeliaNews 10 Giugno 2019 0
Fine settimana  formativo  al maneggio  San Benedetto di  Favara con un maestro d’eccezione Jacques Cavè, responsabile del settore ludico F.I.S.E.








Esperienza già vissuta lo scorso giugno,  che  anche quest’anno ha riscosso approvazione, tanti consensi e grande interesse.

                Feedback positivo, quindi, da parte dei genitori ma anche e soprattutto delle amazzoni e dei fantini, i quali nonostante le elevate temperature, con entusiasmo , determinazione e voglia di fare hanno partecipato allo stage.

La ragione, probabilmente sta in una bellissima frase che Jacques Cavè rammenta sempre “ricordati di sorridere” , i ragazzi “faticano senza accorgersene, fanno una cosa seria, propedeutica in modo divertente” grazie anche all’ausilio di giochi e materiali che rendono tutto meno faticoso.

Jacques Cavè non cura, dunque soltanto l’aspetto tecnico dell’equitazione ma lavora sui bambini, riuscendo a cogliere direi con immediatezza, le peculiarità,  le fragilità e  le caratteristiche di ognuno di loro. Il suo lavoro mira, procedendo per step,   a far si che imparino a concentrarsi, a gestirsi in maniera autonoma, a gestire il pony, senza far uso di frustino o speroni, ma con carattere e determinazione.

Il raggiungimento degli obiettivi ovviamente aumenta la loro autostima, non manca una buona dose di disciplina i ragazzi da subito imparano che “ chi non ha testa ha  buone gambe” se sbagli giù dal pony e fai il percorso a piedi. Il lavoro in team li responsabilizza, invece, sia come  singolo che come componente di un gruppo,  correggere i propri errori e quelli altrui per far vincere la propria squadra, fidarsi dei  compagni “occhi chiusi ti guidano gli amici” non mollare mai.

Concludo riportando le parole di Ludovico Dulcetta , Gerlando Costanza e Lisa Agozzino  grande fatica ed impegno da parte nostra e dei genitori che sostengono e supportano i ragazzi, ma ovviamente la voglia di progredire, di fare sempre meglio di offrire ai ragazzi la possibilità di migliorarsi sono per noi l’incentivo e l’impulso nell’organizzazione e la promozione di eventi ed attività che siano l’immagine dello slogan del maneggio “siamo un sogno in sella alla  realtà”

Lascia un commento »