Antonino, Mattia e Vincenzo: amicizia, sport, divertimento puro (di Rita Bellanca)

Casteltermini 05/12/2019 (SikeliaNews) – Vi è mai capitato di conoscere per caso qualcuno e di provare all’istante un’immensa simpatia che poi ben presto si trasforma in affetto sincero? A me è capitato tante volte, in una di queste tante volte mi sono imbattuta in tre baldi giovani sempre col sorriso sulle labbra. In verità Vincenzo lo conoscevo da prima perché amica della mamma, ma anche con Antonino e Mattia si è instaurato lo stesso rapporto di stima ed affetto che ho sempre nutrito per Vincenzo.

Ve li presento ufficialmente: Antonino Severino, classe ’91, Mattia Puntarello, classe ’93, Vincenzo Genovese, classe ’92. Direte: “Ebbene?”. Ebbene, tre ragazzi semplici, genuini e dal cuore d’oro come ormai se ne incontrano pochi…

Ora basta con i complimenti e andiamo al dunque. Ultimamente su Facebook ho visto che i tre pubblicano foto mentre scorazzano all’interno di campi di calcio. A me sembrava che giocassero per puro diletto qualche partitella tra amici, ma poi ho notato che “pubblicizzavano” la Muxar, precisamente l’ASD Muxar che milita in seconda categoria – girone E. E ogni settimana pubblicavano foto, risultati e classifica.

Ho contattato Antonino, il meno “folle” dei tre, ed ho chiesto spiegazioni in merito. Tra una spiegazione e l’altra mi è venuto in mente di fare un’intervista a tre, ma poi ho pensato: magari poi alla gente sembra che i ragazzi vogliano vantarsi. Ed ho desistito dal mio intento. Non so se a loro piacerà o meno, voglio spendere giusto quattro righe su di loro… ma mi sembra di averne speso già abbastanza all’inizio. Vi descrivo in sommi capi semplicemente ciò che mi ha raccontato Antonino, che ha voluto precisare il fatto di non essere soltanto loro tre a far parte della Muxar, poiché in dirigenza c’è anche un nostro compaesano ‘adottivo’, avendo sposato una castelterminese, il sig. Stefano Bruno (per farmi capire chi fosse mi ha inviato una foto che allego).

Tutti e tre i ragazzi hanno sempre amato il calcio e lo hanno sempre praticato, addirittura Antonino – questo sino a un paio di anni fa – ha disputato ben sei stagioni nella prima squadra del Casteltermini e anche tutte le giovanili. Vincenzo, invece – sempre sino a un paio di anni fa – ha militato nell’ASD Acquaviva Platani. Mattia, infine, già da un po’ di anni aveva smesso di praticare il calcio. Alcuni ragazzi di San Biagio Platani, amici comuni, hanno parlato loro della bella realtà della Muxar e tutti e tre, amando lo sport e il calcio in particolare, hanno deciso di riprendere le scarpe coi tacchetti e di ricominciare a giocare. Ed eccoli in campo, tutti e tre, ogni settimana, a giocare per l’ASD Muxar.

Impegnarsi in qualsiasi attività, nello sport, nel coltivare hobby, nel volontariato, nella danza, nella musica, nella cultura, fortifica il fisico e la mente, dà un senso alla nostra vita, ci fa sentire utili, ci fa socializzare, ci fa conoscere nuove realtà, ci rende UMANI.

L’esempio di Antonino, Vincenzo e Mattia è un esempio che tutti i giovani dovrebbero seguire. Si stenta a trovare un lavoro o si lavora part time, la nostra realtà territoriale offre poche opportunità di svago, spesso ci si ritrova a bivaccare all’interno delle auto guardando il nulla o si sta a casa attaccati allo smartphone. Ragazzi, tenetevi impegnati comunque, che siano IMPEGNI ‘SANI’, da cui trarre insegnamento ed esperienza, nella vita serve tutto, anche saper giocare a calcio.

Non so come la prenderanno Antonino, Mattia e Vincenzo (ho seguito un rigoroso ordine alfabetico) quando pubblicherò questo articolo. Ho anche ‘rubato’ alcune foto dai vostri profili Facebook, chiedo venia pubblicamente. Spero mi vogliate sempre bene come avete fatto finora…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *