#seseialcocoasivede

La Missione di Shisong (Camerun) richiede la Madonna di Fatima di Sciacca (di Rita Bellanca)

Rita Bellanca 14 ottobre 2018 0
La Missione di Shisong (Camerun) richiede la Madonna di Fatima di Sciacca (di Rita Bellanca)

Casteltermini 14/10/2018 (SikeliaNews) – Siamo nel 1964 e dalla missione di Shisong (Camerun) pervenne a Padre Ludovico una lettera in cui si richiedeva l’invio di una statua, copia della Madonna Pellegrina. A spedirla fu un uomo che era stato miracolato dalla Madonna, si trattava del direttore del più grande ospedale del Camerun, il dottor Nicasio Triolo, originario di Trapani “come dono dei fedeli di Sciacca alla povera missione di Shisong, per far sorgere così il primo santuario della Madonna di Fatima in terra d’Africa”.

I fedeli saccensi accolsero con gioia la richiesta, tanto che alle offerte già raccolte se ne aggiunse un’altra di 200.000 lire che permise a Padre Ludovico di ordinare una statua identica alla Madonna di Fatima di Sciacca sempre allo stesso scultore. La statua giunse a Sciacca il 12 settembre e venne esposta all’interno del santuario per permettere ai fedeli di venerarla. Il 6 dicembre Mons. Giuseppe Petralia, vescovo di Agrigento, benedisse la statua con una solenne celebrazione liturgica a cui presero parte le autorità civili, militari e religiose ed una moltitudine di pellegrini. Per l’occasione Sua Santità Papa Paolo VI, inviò al Padre Ludovico, un lungo telegramma di vivo compiacimento per l’iniziativa intrapresa e impartendo la sua Apostolica Benedizione a quanti contribuirono all’invio del simulacro della Madonna nella nuova chiesa della missione di Shisong”. Il vescovo armeno Mons. Cirillo Zohrabian, cappuccino, venne appositamente dal Camerun per prendere in consegna la statua.

Il 27 gennaio 1965, alle 04:00 del mattino, Padre Ludovico Maria da Casteltermini e Padre Fedele da San Biagio, superiore del convento di Sciacca, accompagnarono la cassa contenente la statua al porto di Palermo. Alla cassa con la Madonna si aggiunsero 12 grossi pacchi di medicinali, viveri ed indumenti raccolti a Trapani dalle sorelle del dottor Triolo. Ma la motonave in cui doveva essere imbarcata la statua portò ritardo a causa del maltempo e così la Madonna Pellegrina poté partire solamente il 15 febbraio. Il suo arrivo in Camerun al porto di Victoria (oggi Limbe) avvenne il 15 aprile, Giovedì Santo, mentre a Shisong arrivò la sera del 13 maggio, 48° anniversario dell’apparizione della Vergine a Fatima (pura coincidenza?).

Il dottor Nicasio Triolo così scriveva a Padre Ludovico: “Dopo l’arrivo del venerato simulacro della Madonna di Fatima a Shisong, la Madonna ha operato una grande grazia ad una giovane di 19 anni, la figlia del cuoco dei padri della Missione, chiamata Scolastica Kidzen. La giovane venne trasportata d’urgenza in ospedale il 9 maggio 1965, perché aveva avuto delle convulsioni epilettiche. Dopo il ricovero la sera stessa le convulsioni si sono ripetute e da allora e nei giorni seguenti queste si sono sempre più ravvicinate tanto da lasciare l’ammalata in coma. Dopo tre giorni l’ammalata che era quasi sempre in stato di incoscienza, veniva alimentata con la sonda esofagea attraverso il naso.

Il 13 maggio, giorno in cui arrivò la Madonna di Fatima, l’ammalata era in coma profondo e in condizioni gravissime: il cuore molto debole e la febbre alta. Noi medici curanti viste fallite tutte le cure, pensavamo ormai a un imminente decesso. L’ammalata già aveva ricevuto l’Estrema Unzione dal parroco della parrocchia, che aveva anche lui perduto ogni speranza nella guarigione della giovane. Se non che il 13 maggio sera, proprio quando l’ammalata stava gravissima, è arrivata la statua della Madonna e noi medici abbiamo suggerito ai parenti di pregare la Madonna, perché solo un miracolo poteva salvarla! E così essi hanno iniziato a pregare e fatto celebrare anche una Santa Messa per questa intenzione. Nei giorni 14, 15 e 16 maggio le condizioni dell’ammalata permanevano gravi ma dal giorno 17 la febbre iniziò a diminuire sino a scomparire nei giorni seguenti. Il giorno 18 le convulsioni sono iniziate a decrescere, tanto che il giorno 19 la malata ha avuto una sola convulsione e da giorno 20 in poi nessuna convulsione. Lo stesso giorno 20, essa ha riconosciuto i parenti, il giorno 21 ha incominciato a parlare e il giorno 16 giugno è uscita dall’ospedale in buone condizioni. Poiché dal punto di vista medico, data la gravità del caso, noi medici non siamo riusciti a spiegarci una così rapida guarigione, pensiamo a una grazia della Madonna che l’ha scampata alla morte”.

La prima processione che si fece alla SS. Vergine a Shisong venne fatta il pomeriggio del 30 maggio 1965 con la Madonna di Fatima donata da Padre Ludovico Maria da Casteltermini e dai fedeli siciliani.

[Fonte: “Sciacca, la Fatima di Sicilia”, Don Francesco Terrasi 2017, Amen Edizioni]

Padre Ludovico Maria da Casteltermini ha fatto grandi cose, ha operato per il bene di tutti, nell’umiltà e soprattutto nell’ombra. Perché quando ci si prodiga per i bisogni altrui, lo si dovrebbe fare così. Padre Ludovico un esempio per tutti, credenti e non. Padre Ludovico un esempio di fede, un esempio di vita!

Lascia un commento »