Truffa e turbativa d’asta, 18 indagati ad Avola (e c’è anche il sindaco)




da lasicilia.it

Un avviso di conclusione indagini emesso dalla Procura di Siracusa è stato notificato a 18 tra dipendenti comunali di Avola (Siracusa), amministratori, imprenditori, accusati a vario titolo di truffa, turbativa d’asta, turbata libertà degli incanti e falso ideologico. Tra loro anche il sindaco Luca Cannata.

Si tratta di contestazioni per episodi che si riferiscono a lavori di manutenzione e riqualificazione di aree. Al primo cittadino viene contestato il falso ideologico per aver fatto «indebite pressioni» a un funzionario e all’ingegnere capo del Genio Civile di Siracusa (anche loro indagati) «ai fini del rilascio dell’autorizzazione, nonostante l’incompletezza della documentazione a supporto», relativamente al progetto di manutenzione e intervento di bonifica e riqualificazione ambientale di Marina Vecchia.
Le indagini del commissariato di Avola, diretto dal dirigente Fabio Aurilio, sono state coordinate dal sostituto procuratore Tommaso Pagano.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *