Venerdì di Santa Croce: il programma e il punto della situazione

Con l’inserimento dell’ultimo tassello mancante: il Paliante del ceto “Burgisi”, che sarà Calogero Butticè in rappresentanza della cassa del ceto, anche se a dire il vero conoscendo la generosità di Calogero e l’attaccamento alla Festa, siamo sicuri che ci metterà molto del suo, il mosaico della Festa di Santa Croce 2019 sembra essere completato. La banda che accompagnerà il ceto “Burgisi” sarà quella dell’Associazione Musicale Giuseppe Verdi Città di Casteltermini diretta dal Maestro Vincenzo Palmeri.

Nella giornata di Domenica 2 anche gli allegri e scampanellanti “Vurdunara” parteciperanno numerosi alla sfilata.

Lo stendardiere degli “Schitti” è il giovane Francesco Licata, figlio di Michele e Anna Riccioli. Il Ceto dallo stendardo azzurro si avvarrà della professionalità dell’associazione musicale culturale “Pietro Mascagni” di Casteltermini diretta dal maestro Mario Di Franco.

I “Picurara” avranno come Paliante la signorina Emanuela Virga, il ceto  sfilerà accompagnato dalle note del Complesso Bandistico “Gaspare Palumbo” di Casteltermini diretto dal maestro Enzo Modica.

Si è conclusa ieri l’asta dei “Mastri”, il primo atto di questa Santa Croce 2019. Ad aggiudicarsi l’ultimo posto del sabato è stato Raffaele Cacciatore mettendo sul piatto la ragguardevole somma di 2000 Euro. La “triade” che caratterizza il ceto è composta da Calogero Terrazzino (Capitano), Vittorio Colucci (Sergente), Calogero Sacco (Alfiere). Sarà nuovamente dalla Banda Musicale di Troina, diretta dal Maestro Rosario Terrana, ad allietare con le sue note la sfilata della Real Maestranza.

A tutto questo vanno aggiunti i ragazzi del Tataratà, che con il loro brio e con la loro destrezza come ogni anno  stupiranno gli spettatori. Il Corteo Storico “Principi Termini e Ferreri” aggiungerà solennità ed eleganza a tutte le sfilate. Tutto pronto quindi, si comincia…

Oggi, venerdì 31 maggio 2019, alle 17:30 raduno nei pressi della Piazza Madonna del Rosario, dove convergeranno i quattro Ceti accompagnati dalle rispettive bande musicali sopra elencate, il Corteo Storico “Principi Termini e Ferreri” e l’attesissimo Tataratà.

Alle 18.30 i tradizionali “5 spari” avvertiranno il pubblico che il corteo sta muovendo da via Verdi. Tutti i Ceti rendono omaggio ai caduti in guerra deponendo una corona di fiori nel monumento di piazza Duomo. Il corteo vieerrà chiuso dal Tataratà.

Alle 20:30 i Ceti porteranno in processione la Croce fino a piazza Duomo partendo da via Kennedy (Stabilimintu).

Alle 23:00 ci saranno le aste dei Ceti. Si inizierà in piazza Duomo con “lu Staddunaru”, evocativo ultimo posto del Ceto Picurara. A seguire l’asta del Ceto “Schitti” in via Roma e per finire l’asta del Ceto “Burgisi” si terrà in Corso Umberto I.

…e tutti a na vuci! Viva Santa Cruci!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *