IL COMMISSARIO STRAORDINARIO – ORDINANZA CONTINGIBILE ED URGENTE n. 14 del 18 maggio 2020

COMUNE DI CASTELTERMINI

Libero Consorzio Comunale di Agrigento

Piazza Duomo, n. 3 – Tel.0922/929001

P.e.c.: comunedicasteltermini@pec.it

ORDINANZA CONTINGIBILE ED URGENTE n. 14 del 18 maggio 2020

OGGETTO: Ulteriori misure per la prevenzione e gestione dell’emergenza epidemiologica da Co Vid-19, in applicazione del D.P.C.M. del 17 maggio 2020 nonché dell’Ordinanza contingibile ed urgente del Presidente della Regione Siciliana n. 21 del 17 maggio 2020.

IL COMMISSARIO STRAORDINARIO

Dott. Antonio GAROFALO

RICHIAMATO il Decreto dell’Assessore regionale alle Autonomie locali ed alla Funzione pubblica, n. 117 del 28 aprile 2020, di nomina a Commissario Straordinario con le funzioni del Sindaco e della Giunta municipale;

VISTA la Delibera del Consiglio dei Ministri del 31 gennaio 2020, con la quale è stato dichiarato, per la durata di mesi sei, lo stato di emergenza sul territorio nazionale relativo al rischio sanitario connesso all’insorgenza di patologie derivanti da agenti virali trasmissibili;

VISTO il Decreto-Legge 23 febbraio 2020, n. 6 (convertito con modificazioni ex L. 05 marzo 2020, n. 13), recante «Misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da CoVid-19» e, in particolare, l’articolo 3 del predetto testo normativo;

VISTO il Decreto-Legge 25 marzo 2020, n. 19, recante «Misure urgenti per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da CoVid-19» e, in particolare, l’art. 4 — commi 1 e 2 – del predetto testo normativo;

VISTO il Decreto-Legge 16 maggio 2020, n. 33, recante «Ulteriori misure urgenti per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da CoVid-19» e, in particolare, gli artt. I — comma 9 – e 2 del predetto testo normativo;

VISTO il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 17 maggio 2020, pubblicato sulla G.U. n. 126 del 17.05.2020, inerente: “Misure per il contenimento e il contrasto del diffondersi del virus CoVid-19 sull ‘intero territorio nazionale” e, in particolare, l’art. I dello stesso;

VISTA l’Ordinanza del Ministro della Salute, di concerto con il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti del 28 marzo 2020, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 84 del 28 marzo 2020, con cui è stato disciplinato l’ingresso nel territorio nazionale tramite trasporto di linea aereo, marittimo, lacuale, ferroviario e terrestre; VISTA l’Ordinanza contingibile e urgente n.21 del 17.05.2020 del Presidente della Regione Siciliana, avente ad oggetto “Ulteriori misure per la prevenzione e gestione dell ‘emergenza epidemiologica da CoVid-2019”.

Ordinanza emanata ai sensi dell’art. 32, comma 3, della legge 23 Dicembre 1978, n. 833, in materia di igiene e sanità pubblica;

RITENUTO, in considerazione dell’emergenza e della improrogabilità ed indifferibilità delle decisioni da assumersi, di dovere porre in essere tutte le iniziative validamente finalizzate alla salvaguardia della salute pubblica nel territorio del Comune di Casteltermini;

CONSIDERATA la situazione emergenziale venutasi a creare correlata alla diffusione del contagio da CoVid-19 sull’intero territorio nazionale e regionale;

RILEVATO che i provvedimenti sopra richiamati, tanto di derivazione nazionale quanto di derivazione regionale, sono tutti orientati nella direzione di evitare situazioni di assembramento che possano favorire la diffusione del contagio;

CONSIDERATO che, in caso di emergenze sanitarie e di igiene pubblica, ai sensi dell’art. 32 della Legge n 833/1978 e dell’art. 117 del D.Lgs. n. 112/1998 e ss.mm.ii., le Ordinanze contingibili ed urgenti sono adottate dal Sindaco, quale rappresentante della comunità locale nell’ambito del territorio comunale; VISTO l’art. 50, commi 5 e 6, del D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 e ss.mm.ii. (T.U.E.L.)•,

VISTO l’O.R.EE.LL.;

VISTO lo Statuto del Comune di Casteltermini;

 

A DECORRERE DAL 18 MAGGIO 2020 E FINO AL 07 GIUGNO 2020 in sostituzione delle precedenti ordinanze commissariali:

ORDINA

 

  1. la permanenza domiciliare e la conseguente limitazione dei contatti sociali di quei soggetti che presentino sintomatologia da infezione respiratoria e/o febbre (maggiore di 37,5 0 C). Al riguardo gli stessi soggetti devono informare il proprio medico di medicina Generale o Pediatra di libera scelta e uniformarsi alle disposizioni ministeriali sanitarie;
  2. la mobilità dalla propria abitazione o dimora è assolutamente vietata per i soggetti che si trovino sottoposti alla misura della quarantena ovvero risultati positivi al coronavirus da Co Vid-19.
    • soggetti di cui al presente punto devono: a) comunicare le proprie condizioni di salute al Medico di Medicina Generale o al Pediatra di libera scelta e al Dipartimento di Prevenzione dell’Azienda Sanitaria Provinciale territorialmente competente, secondo le cadenze temporali fissate dai vigenti protocolli di sorveglianza sanitaria — b) comunicare i nominativi dei propri conviventi, che le Aziende Sanitarie Provinciali provvedono a trasmettere in un apposito “elenco unico giornaliero” alle Prefetture competenti per territorio c) facoltativamente, utilizzare la applicazione “SiciliaSiCura” (scaricabile dalle piattaforme AppleStore ed Android);
  3. chiunque faccia ingresso nel territorio comunale, essendo proveniente da altra Regione, è tenuto: a) a registrarsi sul sito internet www.siciliacoronavirus.it, compilando integralmente il modulo informatico previsto, b) a rendere immediata dichiarazione attestante la presenza nell’Isola (comunicandone compiutamente l’indirizzo) al proprio Medico di Medicina Generale o al Pediatra di libera scelta, nonché, al Dipartimento di Prevenzione dell’Azienda Sanitaria Provinciale di Agrigento ed agli Uffici comunali preposti, c) a permanere in isolamento obbligatorio, per la durata di giorni quattordici, presso la propria residenza o domicilio, adottando una condotta improntata al distanziamento dai propri congiunti e/o coabitanti, curando di aerare più volte al giorno i locali dell’abitazione.
  • soggetti in isolamento sono sottoposti a tampone rinofaringeo alla conclusione del termine di quarantena;
  1. sull’intero territorio comunale, devono utilizzarsi dispositivi di protezione individuale delle vie respiratorie — già distribuite da questo Comune, nei luoghi pubblici e luoghi accessibili al pubblico, inclusi i mezzi di trasporto e, comunque, in tutte le occasioni in cui non sia possibile garantire, con la necessaria continuità, il distanziamento sociale.

Non sono soggetti all’obbligo i bambini al di sotto dei sei anni, nonché, i soggetti con forme di disabilità incompatibili con l’uso continuativo della mascherina ovvero i soggetti che interagiscono con i predetti;

  1. ogni forma di assembramento di persone in luoghi pubblici e privati, per qualsivoglia ragione, è assolutamente vietata;
  2. l’attività fisica individuale – ovvero con accompagnatore per i minori o le persone non completamente autosufficienti – nonché, l’attività sportiva o l’attività motoria sono consentite, purché, nel rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno due metri per l’attività sportiva e di almeno un metro per ogni altra attività motoria, salvo che non sia necessaria la presenza di un accompagnatore per i minori o le persone non completamente autosufficienti;
  3. tutte le attività commerciali,al dettaglio ed artigianali, autorizzate all’apertura, devono osservare dal lunedì al sabato – il seguente orario di apertura, anche continuativo dalle ore 8.00 alle ore 20.30. Gli stessi esercenti, con esclusione, possono rinunciare alla loro giornata di chiusura.

Gli esercenti che svolgono attività di ristorazione, anche da asporto — per l’intera settimana – possono svolgere le proprie attività in orario, anche continuativo, ricompreso tra le ore 08:00 e le ore 23.30 compreso la domenica solo per l’attività di domicilio;

  1. la chiusura al pubblico, nei giorni domenicali e festivi, di tutti gli esercizi commerciali attualmente autorizzati – fatta eccezione per le farmacie, le edicole, i bar, la ristorazione, ed i fiorai (Art. 10 dell’Ordinanza n. 21 del Presidente della Regione Siciliana).

E’ autorizzato nelle superiori giornate anche il servizio di consegna a domicilio di generi alimentari e di prima necessità sia nell’ambito degli esercizi commerciali di vicinato, sia nell’ambito della media e grande distribuzione, nonché, dei combustibili per uso domestico e per riscaldamento;

  1. tutte le attività commerciali autorizzate sono tenute al rispetto dei protocolli igienico-sanitari, enunciati, per singola categoria merceologica, in seno alle Linee-guida di cui all’Allegato 1 all’Ordinanza n. 21 del Presidente della Regione Siciliana;
  2. sono autorizzati, anche a domicilio, i servizi di cura alla persona quali acconciatori, barbieri ed estetici. Per le specifiche modalità di svolgimento delle predette attività, si rimanda integralmente alle Linee-guida di cui all’Allegato 1 all’Ordinanza n. 21 del Presidente della Regione Siciliana;

11 . le attività di catering sono autorizzate a partire dal 08 giugno 2020, rimanendo subordinata, per ciascun evento, la individuazione di locali pubblici o privati adeguati a garantire il rispetto delle Linee-guida e le specifiche disposizioni individuate nel D.P.C.M. del 17 maggio 2020. Fino al 07 giugno 2020, si possono, comunque, svolgere tutte le attività propedeutiche all’apertura, compreso l’incontro con la clientela, purché nel rispetto dei principi di distanziamento sociale;

  1. l’accesso di parenti e visitatori a residenze sanitarie assistite (R.S.A.) e case di riposo per anziani, autosufficienti e non, è consentito.

Il suddetto accesso è, comunque, subordinato alle disposizioni interne delle Direzioni sanitarie della struttura, le quali sono tenute ad adottare le misure necessarie a prevenire possibili contagi;

  1. per quanto attiene all’attività di autoscuola e similari, sono autorizzate le esercitazioni pratiche, solo ove i mezzi utilizzati consentano il rispetto delle misure di prevenzione del contagio, specificamente disciplinate dal D.P.C.M. del 17 maggio 2020, nonché dalla normativa nazionale riguardante l’espletamento degli esami per il rilascio dei relativi titoli e/o patenti;
  2. fermo restando il rispetto delle distanze sociali, delle protezioni individuali che obbligatoriamente devono essere indossati, l’accesso al pubblico ai villini comunali (Vittoria e Piazza Bixio), giusta previsione dell’art. l, comma 9, del D.L. 33 del 16 maggio 2020 nonché dell’art. 16 dell’Ordinanza n. 21 del Presidente della Regione Siciliana, è consentito da Lunedì a Sabato dalle ore 9.00 alle ore 18.00;
  1. le attività relative a sale gioco e sale scommesse sono sospese (lett. l) del D.P.C.M. del 17 maggio 2020);
  2. l’accesso ai luoghi di culto e la celebrazione delle funzioni religiose sono consentite, secondo il protocollo, stipulato tra la C.E.I. e lo Stato italiano – di cui all’Allegato I al D.P.C.M. del 17 maggio 2020 – nonché sulla scorta delle disposizioni emanate da Sua Eminenza l’Arcivescovo metropolita di Agrigento;
  1. l’accesso ai musei comunali (Antiquarium ed Etnografico e Biblioteca Comunale) è consentito a partire dal 25 maggio 2020.

I soggetti presenti all’interno dei suddetti luoghi, contemporaneamente, non potranno essere più di tre, per ogni visita, avendo cura di indossare i dispositivi di protezione individuale e seguendo le disposizioni enumerate alle Linee-guida di cui all’Allegato I dell’Ordinanza n. 21 del Presidente della Regione Siciliana;

  1. il mercato settimanale del mercoledì è consentito con le seguenti modalità:

 dalle ore 8.00 alle ore 13.00, potranno allestire i loro posti vendita gli esercenti muniti di autorizzazione allo stallo con i numeri pari. Gli stessi prima delle operazioni di vendita devono provvedere alla sanificazione di tutti gli strumenti di vendita e munirsi delle protezioni individuali (mascherine e guanti); nonché mettere a disposizione della clientela i prodotti igienizzanti.

 dalle ore 15.00 alle ore 19.00 potranno allestire i loro posti di vendita gli esercenti muniti dell’autorizzazione allo stallo con i numeri dispari. Gli stessi prima delle operazioni di vendita devono provvedere alla sanificazione di tutti gli strumenti di vendita e munirsi delle protezioni individuali (mascherine e guanti); nonché mettere a disposizione della clientela i prodotti igienizzanti.

Dovrà essere garantita la turnazione degli stalli la settimana successiva. (mattina stalli dispari e pomeriggio stalli pari e così via dicendo per le successive settimane e comunque fino al 7/6/2020).

In entrambi i casi i mercatisti dovranno provvedere alla pulizia e sanificazione dei posti a loro assegnati. Gli esercenti alimentari potranno allestire i loro posti vendita negli stalli a loro assegnati soltanto la mattina del mercoledi dalle ore 8.00 alle ore 13.00.

Gli esercenti di abbigliamento dovranno mettere a disposizione i guanti monouso per i clienti da utilizzare per la scelta in autonomia del prodotto.

L’attività mercatale si svolgerà nell’area di piazza Nino Bixio e via Don Bosco. A tal fine, nell’area mercatale predetta, si potrà accedere tramite apposito varco (Entrata lato viale Matteotti, intersezione con via Don Bosco) che sarà diverso da quello di Uscita prevista in via Garibaldi- Diaz-Agrigento.

Si raccomanda, onde evitare assembramenti e sovraffollamento dell’area mercatale, la presenza all’interno della stessa area di una persona per nucleo familiare, avendo cura di munirsi di guanti, mascherina e di rispettare il distanziamento interpersonale. Gli stessi dovranno permanere nell’area mercatale per il tempo strettamente necessario al compimento degli acquisti.

Per ciò che riguarda gli esercenti commerciali, si rimanda a quanto previsto dalle Linee-guida di cui all’Allegato I dell’Ordinanza n. 21 del Presidente della Regione Siciliana, ovvero il commercio su aree pubbliche deve essere espletato nel pieno rispetto delle norme igienico sanitarie e del distanziament sociale.

Lo Sportello Unico per le Attività produttive ed il Corpo della Polizia Locale sono incaricati, rispettivamente, di fornire assistenza agli esercenti commerciali e per i relativi controlli inerenti il rispetto delle disposizioni di cui al presente punto;

  1. il concessionario del trasporto pubblico locale (Vinan Viaggi di Cuffaro Vincenzo S.a.s. ed Autolinee Vincenzo Cuffaro & C. S.r.l.) deve rendere disponibili, all’interno dei mezzi pubblici, un numero di posti massimo pari al 40% dei sedili omologati in relazione al singolo mezzo e comunque garantendo la distanza minima, tra un posto e l’altro, di un metro. Lo scompartimento dell’autista deve essere, poi, opportunamente isolato al fine di salvaguardarne la salute;
  2. L’accesso al cimitero comunale è consentito, per l’intera settimana, in orario compreso fra le ore 08.00 e le ore 13.00 e nel pomeriggio dalle ore 15 alle ore 18.

Per ogni giornata, potranno accedere, nell’area cimiteriale, in contemporanea, non più di 30 persone, per un tempo massimo di 20 minuti.

L’ultimo ingresso, con relativa chiusura del cancello da parte del personale addetto, è fissato alle ore 12.30 ed alle ore 17.30

Nell’accesso al cimitero, deve essere assicurato, da parte dei cittadini, il rispetto dell’obbligo di distanziamento sociale di un metro, l’uso di mascherina e guanti monouso e, tanto negli spostamenti all’interno del cimitero quanto nei comportamenti individuali e nei contatti interpersonali, dovranno essere osservate le misure igienico-sanitarie.

E’ fatto obbligo al personale comunale addetto ai servizi cimiteriali di vigilare sul contingentamento delle persone presenti al cimitero contemporaneamente, come sopra riportato, garantendo la distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro nonché facendo indossare ai cittadini le mascherine e i guanti monouso.

  1. Palestre, circoli ricreativi, società sportive, associazioni sportive – sono autorizzate all’espletamento delle proprie attività anche in luoghi al chiuso nel rispetto del distanziamento i interpersonale, senza alcun assembramento ed a condizione che siano rispettate le linee guida per le palestre.

FA DIVIETO

alle rivendite di tabacchi, insistenti sul territorio comunale, di attivare apparecchiature elettroniche finalizzate all’intrattenimento oltre che al gioco d’azzardo.

DA’ MANDATO al Responsabile di P.O. n. 1, di trasmettere la presente Ordinanza al Segretario Generale ed ai Responsabili di P.O. nn. 2, 3 e 4, affinchè, provvedano, ognuno per quanto di competenza, alla esecuzione della stessa, nonché, la pubblicazione — ai fini dell’opportuna conoscenza da parte della cittadinanza — all’Albo Pretorio-on line e la diffusione tramite i mezzi ritenuti maggiormente conducenti allo scopo.

RENDE NOTO

  • che salvo il fatto costituisca più grave reato, il mancato rispetto degli obblighi, nonché, delle limitazioni e/o divieti contenuti nella presenza Ordinanza, è punito con la sanzione amministrativa pecuniaria del pagamento di una somma da € 400,00 a € 3.000,00;
  • che, nei casi mancato rispetto delle presenti disposizioni da parte delle attività commerciali di vendita al dettaglio ed artigianali, si applica, altresì, la sanzione amministrativa accessoria della chiusura dell’esercizio o dell’attività da 5 a 30 giorni;
  • che il mancato rispetto delle prescrizioni di cautela igienico sanitaria e dell’adozione delle necessarie misure come disposte e raccomandate dalle norme vigenti in materia di prevenzione, contenimento e gestione del rischio epidemico da CoVid-19, richiamate in premessa, con negligenza imprudenza imperizia, pu configurare fattispecie di reato ex art. 452 in relazione all’art 438 c.p. (delitti colposi contro la salute pubblica anche in forma concorsuale.

DISPONE

l’immediata trasmissione della presente Ordinanza:

  1. al Signor Prefetto di Agrigento, ai sensi dell’art. 54, comma 4, del T.U.E.L.;
  2. al Comando della Polizia Locale e della Stazione dei Carabinieri di Casteltermini, cui spetta il compito di darvi esecuzione, ponendo in essere i conseguenti controlli;
  3. alle Direzioni Sanitare di: 1. R.S.A. “Salvatore Nicastro”, 2. Casa di riposo per anziani “Lillo Firrera”, 3. Casa di riposo per anziani “Malva”;4
  4. al concessionario del trasporto pubblico locale (Vinan Viaggi di Cuffaro Vincenzo S.a.s. ed Autolinee Vincenzo Cuffaro & C. S.r.l.).

AVVERTE

ai sensi dell’articolo 3, comma 4, della Legge 7 Agosto 1990, n. 241 e ss.mm.ii., che avverso il presente provvedimento è ammesso ricorso:

  1. giurisdizionale al T.A.R. Sicilia — sede di Palermo, ai sensi del combinato disposto degli artt. 2, lett.

b), e 21 della L. 1034/1971 e ss.mm.ii. nel termine di sessanta giorni da quello in cui l’interessato ne abbia ricevuta la notifica o ne abbia comunque avuta piena conoscenza;

  1. straordinario al Presidente della Regione Siciliana, esclusivamente per motivi di legittimità, entro centoventi giorni decorrenti dal medesimo termine di cui sopra, ai sensi dell’articolo 8 del D.P.R. 24.1.1971,
  2. 1199 e dell’art. 23 dello Statuto della Regione Siciliana.

Dalla Residenza Municipale, 18 maggio 2020.

IL COMMISSARIO STRAORDINARIO

dott. Antonio GAROFALO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *