Eccellenza, vince la capolista ma il Casteltermini c’è!

 

Il risultato numerico non lascia dubbi, il Canicattì batte il Casteltermini per 3-1, ma per i granata, padroni di casa  c’è anche qualche segnale incoraggiante.

Non equivochiamo, la vittoria biancorossa è meritata in virtù di una maggiore cifra tecnica, di una maggiore disciplina tattica, oltre alla presenza di calciatori di categoria validi ed esperienti, tuttavia l’andamento della gara vede un Casteltermini volitivo, capace di buone idee e di incutere paura anche alla blasonata Canicattì. Purtroppo il Casteltermini paga l’inesperienza della matricola, in un campionato in cui si paga anche l’errore veniale.

Pronti… via! Mentre i granata sono mentalmente ancora negli spogliatoi, la capolista assesta due micidiali colpi allo stomaco del Casteltermini.

Già al 6’ ospiti in vantaggio con Matera pronto a sfruttare una indecisione della difesa, al 10’ corner di Mercurio dalla destra, che sprizza sotto porta ingannando Priolo. Siamo al 2-0.

Un Uno-due micidiale che avrebbe piegato le gambe di chiunque, ma la squadra granata non rimane sui colpi, il solito generoso capitan Piazza si carica della responsabilità di dettare il gioco e il Casteltermini rintuzza gli attacchi avversari e comincia a proporre qualche valida trama di gioco che viene premiata allo scadere, quando i padroni di casa si procurano un rigore che viene trasformato da Piazza con un tiro che inganna completamente il portiere ospite, 1-2 e fine del primo tempo.

Nella ripresa è il Casteltermini a sorprendere gli avversari, macina gioco con più convinzione, lotta palla su palla senza nessuna sudditanza psicologica, una condotta di gioco che fa ben sperare fin quando Basiru, già ammonito, non casca nel tranello e si becca l’espulsione che lascia il Casteltermini in 10.

Brutto colpo per il morale dei padroni di casa, che però non rinunciano ai propositi di rincorsa al pareggio. Mister La Bianca sposta Piazza al fianco di Billet e, con l’aggiunta del subentrante Agnello, attacca in 3 con l’intento di non permettere al Canicattì di avere troppi spazi per schiacciare il Casteltermini.

Una scelta coraggiosa che viene parzialmente premiata evitando ai granata di subire la pressione della capolista, che però, forte di un notevole potenziale di esperienza, si fa trovare pronta a sfruttare una sbavatura, una ingenuità della difesa locale che, quasi allo scadere del 90’, perde palla sulla propria trequarti dando la possibilità a Iezzi di defilarsi sulla destra, entrare in area e incrociare un diagonale che batte Triolo per l’1-3 finale.

Il Canicattì resta saldamente al vertice, ma il Casteltermini può aspirare ad una posizione tranquilla che non  esclude la possibilità di togliersi qualche soddisfazione.

 

Casteltermini – Canicattì = 1-3    Reti:   6’ Matera ( Cn) , 10’ Di Mercurio (Cn), 4’ Piazza (Cst), 87’ Iezzi (Cn).

Formazioni

CASTELTERMINI: Triolo, Antinoro(Agnello 63), Cosentino, Hassan Ziao, Basiru Yallow (esp. 69’), DI Benedetto, Candela, Couty, Billet, Ibra Bamba(Sylla 46), Piazza.

CANICATTÌ: Valenti, Di Mercurio, Tedesco, Greco (Caronia 85’), Raimondi, Ferotti, Prestia (Gradito 64’), Sinatra (Malluzzo 65’), Mater (Erbini 64’), Montalbano, Iezzi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *