Comunicato stampa Studio Legale Ribaudo




Riceviamo e pubblichiamo

STUDIO LEGALE  RIBAUDO

Via Mariano Stabile 241 – Palermo   tel. 091.2511213-fax091.8434400

 

Avv. Giuseppe Ribaudo

Avv. Francesco Carità

Avv. Francesca Ribaudo                                                 

Avv. Alessandra Feo

Avv. Domenico Chiparo

DOtt. Francesco Dentino

Dott.ssa Francesca Carità

 

 

OGGETTO: Rifiuti abbandonati in località Kaos, Tar annulla ordinanza del Comune di Porto Empedocle di ripristino dei luoghi

Il Tar di Palermo ha dato ragione al ricorrente difeso dagli avv.ti Giuseppe Ribaudo e Francesco Carità, accogliendo il suo ricorso e annullando l’ordinanza del Comune di Porto Empedocle che lo obbligava a rimuovere rifiuti abbandonati da terzi.

La vicenda paradossale trae origine da un verbale emesso dalla Capitaneria Di Porto Empedocle con la quale si contestava al ricorrente di aver abbandonato dei rifiuti in zona Kaos. Nello specifico, lo stesso sarebbe stato ripreso dalle telecamere mentre con la propria autovettura stazionava e gettava i rifiuti in prossimità di una discarica abusiva.

Successivamente, il Comune di Porto Empedocle emanava una propria ordinanza ingiungendo al ricorrente la rimozione e lo smaltimento di tutti i rifiuti abbandonati sul suolo del Demanio Marittimo in località Kaos oltre che al ripristino dei luoghi, disponendo che in caso di inottemperanza si sarebbe proceduto d’ufficio con addebito e recupero delle somme anticipate dall’amministrazione.

Avverso detti provvedimenti, il ricorrente proponeva ricorso innanzi il TAR, considerato che il fatto contestato non poteva essere a lui addebitato. Difatti, a seguito dell’accesso agli atti emergeva una chiara impossibilità a decifrare il numero di targa e l’esatto colore dell’autovettura, che il ricorrente sosteneva si trovasse fuori dal territorio regionale.

Talché, la Capitaneria di Porto, dopo la notifica del ricorso, provvedeva a visionare meglio le immagini riprese dalle telecamere ed ad annullare in autotutela il verbale, stante l’impossibiliotà di decifratura della targa e del colore della macchina; diversamente faceva, invece, il comune di Porto Empedocle che non annullava l’ordinanza emessa nei confronti del ricorrente.

Ebbene, il TAR di Palermo con propria sentenza, accogliendo la tesi difensiva degli avv. Ribaudo Giuseppe e Carità Francesco, ha annullato l’ordinanza del comune di Porto Empedocle.

I legali si ritengono soddisfatti del risultato ottenuto per aver garantito al ricorrente l’annullamento dell’ordinanza del Comune di Porto Empedocle che illegittimamente ingiungeva al ricorrente di provvedere allo smaltimento dei rifiuti abbandonati da terzi nella zona Kaos mettendo fine ad un paradossale vicenda che ha costretti l’ignaro cittadino a difendersi da responsabilità a lui non addebitabili.

Palermo, 25.11.2019




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *