Municipio Comune di Casteltermini

Comunicato stampa a firma del Commissario Straordinario del Comune di Casteltermini dott. Antonio Garofalo

C O M U N E  D I  C A S T E L T E R M I N I

Libero Consorzio Comunale di Agrigento

SEGRETERIA DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO

Casteltermini, 09 luglio 2020

A V V I S O   A L L A   C I T T A D I N A N Z A

Il Commissario Straordinario, Dott. Antonio Garofalo, in ordine ai fatti occorsi nell’ambito della struttura, sita a Casteltermini in via Don Luigi Sturzo – momentaneamente destinata allo svolgimento del periodo di quarantena, a seguito dell’emergenza epidemiologica da CoVid-19 – comunica quanto segue.  La suddetta struttura, individuata su disposizione della Prefettura-U.T.G. di Agrigento, ad oggi, ospita n. 50 (cinquanta) migranti di nazionalità tunisina.

Nella tarda serata di mercoledì 8 luglio 2020 – secondo quanto comunicato dalle Autorità presenti in loco – si sono allontanati dallo stabile in questione n. 8 (otto) soggetti, dei quali  3 (tre) a causa della fuga hanno riportato gravi fratture e si trovano ricoverati presso l’Ospedale “San Giovanni di Dio” di Agrigento; 2 (due) sono stati immediatamente individuati e riportati all’interno della struttura; 3 (tre) risultano, al momento, irrintracciabili.

Immediatamente – in costante contatto con il preposto Ufficio della Prefettura di Agrigento – sono state avviate le ricerche dei tre tunisini non ancora rintracciati.

Sul punto, si rappresenta che le Forze dell’Ordine (il Reparto O.P. dei Carabinieri, la Stazione di Casteltermini e la Polizia Locale) stanno, sin dalla notte scorsa, perlustrando il territorio comunale per la ricerca dei fuggitivi.

Si coglie l’occasione per ricordare, altresì, che la struttura di via Don Luigi Sturzo opera – secondo quanto comunicato dalla Prefettura-U.T.G. di Agrigento – fino al prossimo 31 luglio, termine in cui cesserà lo stato di emergenza sanitaria nazionale.

Alla luce di quanto comunicato, si informa che non rispondono al vero le notizie diffuse con i mezzi di comunicazione offerti da internet e dalle piattaforme social nonché gli articoli pubblicati da alcuni quotidiani on-line. Al riguardo sarà cura dello scrivente Commissario, assunti da fonti sicure istituzionali gli aggiornamenti sull’evoluzione della vicenda, avvertire tempestivamente alla cittadinanza.

dott. Antonio Garofalo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *