Casteltermini. Uomo armato in cerca del Sindaco




[dropcap]



[/dropcap]Casteltermini 15/03/2018 (SikeliaNews) – Ieri mattina un noto pregiudicato castelterminese, L.M. V., di anni 61, si è presentato presso la sede del Palazzo Municipale di Casteltermini chiedendo insistentemente del Sindaco e della Segretaria Generale. L’uomo ha incontrato nei corridoi del Comune il Comandante della Polizia Municipale, dott. Calogero Sardo, il quale, ignaro del fatto che il soggetto recasse con sé un’arma da fuoco carica, ha provato a rabbonirlo, spiegandogli come, essendo un ex detenuto, fosse già inserito in un elenco come “soggetto con disagio sociale”, che occupava già una posizione adeguata in graduatoria ed era quindi idoneo a ricevere un contributo in denaro. Infatti l’uomo risulta essere primo in una graduatoria che a breve dovrebbe diventare operativa.

Non soddisfatto della rassicurazione ricevuta, L.M. ha finto di allontanarsi; tuttavia, alcuni cittadini segnalavano al Comandante Sardo che il soggetto poco prima aveva esibito un’arma in maniera spavalda. A questo punto, al fine di evitare il peggio, il comandante allertava prontamente gli agenti di P.M. affinché l’uomo venisse individuato e bloccato. Mentre accadeva ciò, il malintenzionato risaliva le scale del Municipio con fare deciso e, non accettando spiegazioni da alcuno, si ostinava nel suo proposito di attendere l’arrivo del Sindaco. Nel frattempo, il Comandante di P.M. chiedeva l’intervento dei Carabinieri i quali, prontamente, si recavano presso il Municipio e, accertandosi che l’uomo portava, effettivamente, nella cintola, il revolver visto dagli astanti e che quindi era pronto a far fuoco, disarmavano prontamente L.M. che di conseguenza veniva tratto in stato di fermo.

Questo gesto maldestro ha provocato sgomento negli uffici e nella comunità castelterminese. Quanto accaduto dimostra come troppo facilmente ci si possa trovare in balìa di malintenzionati capaci di compiere gesti di una gravità inaudita e mai conosciuta prima d’ora nel nostro piccolo centro. Si spera che quanto accaduto possa essere un fatto isolato e mai più ripetibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *