Casteltermini torna a votare

Elezioni a Casteltermini il 4 e 5 ottobre. La Corte di Cassazione ha accolto il ricorso presentato da Gioacchino Nicastro, dichiarato ineleggibile, in seguito al ricorso presentato da Filippo Pellitteri, candidato a sindaco col M5S, con cui era stato sostituito.

La Corte di Cassazione ha dichiarato che la sostituzione del sindaco eletto Gioacchino Nicastro col secondo arrivato, Filippo Pellitteri, “verrebbe a ledere in modo irrazionale ed illeggittimo la prevalente esigenza di rimanere inalterata la scelta espressa attraverso le elezioni, verificandosi una sorta di “aberrazione” della volontà elettorale quale si è espressa nella votazione diretta del sindaco, in forza dello spiccato prevalere dell’elemento personale: dove, invero, è proprio la conoscenza personale del candidato e della sua lista che guida la scelta degli elettori e l’affidamento del mandato mediante il voto, basato sulle precipue qualità (professionali e di competenza, etiche, intellettuali) del candidato medesimo. Ne discende l’esclusione di un semplicistico scambio tra i candidati a sindaco”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *