Reddito di cittadinanza, c’è il nuovo decreto: via ai lavori di pubblica utilità obbligatori

Inizia la fase 2 del reddito di cittadinanza ovvero quella in cui i percettori sono obbligati a svolgere lavori di pubblica utilità presso il comune di residenza. Lo prevede il decreto che è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale lo scorso 8 gennaio. Il decreto era stato firmato lo scorso 22 ottobre 2019 dal ministro del Lavoro e delle Politiche sociali Nunzia Catalfo e adesso c’è la pubblicazione.

beneficiari del reddito di cittadinanza, tranne gli esonerati, dovranno essere convocati da parte dei centri per l’impiego con la firma del Patto per il lavoro.

Si tratta di prestazioni non retribuite perchè ovviamente si percepisce il reddito di cittadinanza e la mancata accettazione della condizione stabilita dal decreto da parte di uno dei componenti del nucleo familiare determina la decadenza del sussidio.

VAI ALL’ARTICOLO ORIGINALE

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *