Reddito di cittadinanza: a gennaio record di sospensioni, ma a febbraio saranno di più

Il Reddito di cittadinanza fa segnare un piccolo record. E riguarda il numero delle prestazioni totali che a gennaio scendono di circa 69mila. Una diminuzione che l’Inps giustifica con le sospensioni. Infatti, se si guarda al numero dei sussidi effettivamente in pagamento a gennaio, ultimo mese disponibile, il conto scende sotto il milione, a causa delle pratiche sospese.

LE SOSPENSIONI. Si tratta di prestazioni che nel 2019 hanno avuto almeno un pagamento ma che con il passaggio al nuovo anno non risultano più ‘attive’. Sono pratiche messe in stand-by, per cui evidentemente sono in corso ulteriori approfondimenti. Non sono quelle nuove ancora da valutare (113 mila), così come quelle già scartate all’origine (445 mila). Le verifiche porteranno a decretare la riammissione al beneficio o la loro decaduta. Ad aver perso il sussidio sono invece 60 mila nuclei.

VAI ALL’ARTICOLO ORIGINALE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *