Maria SS. Annunziata e 1° Memorial Ing. Giuseppe D’Ippolito: una grande e bellissima festa! (di Rita Bellanca con Photogallery)




[dropcap]



[/dropcap]Casteltermini 23/03/2018 (SikeliaNews) – Stamattina, in occasione dei festeggiamenti in onore di Maria SS. Annunziata, presso i locali dell’ex Centrale Elettrica della Miniera di Cozzo Disi, ha avuto luogo il 1° Memorial dedicato alla figura dell’Ing. Giuseppe D’Ippolito, direttore responsabile della miniera sino al 1950. L’ingegnere si adoperò sia per migliorare le tecniche di estrazione e sia, soprattutto, per migliorare le difficilissime condizioni di vita dei minatori e delle loro famiglie. Sino ad allora la vita in miniera era resa altamente pericolosa per via della poca sicurezza delle infrastrutture, che l’ingegnere D’Ippolito rese più agevoli ed enormemente più produttive.

Alla Santa Messa, officiata dall’arciprete di Campofranco, don Luciano Calabrese, è seguito un incontro-dibattito in cui hanno preso la parola il dott. Giovanni Antinoro e l’ing. Ignazio Lo Re, rispettivamente presidente del Comitato Maria SS. Annunziata e presidente  dell’Associazione Miniera-Museo di Cozzo Disi, che hanno ringraziato gli intervenuti e delineato le finalità di Comitato ed Associazione. Ignazio Lo Re inoltre ha ribadito il fatto che l’Associazione riabiliterà il vecchio ingresso della miniera, estirpando le erbacce, disostruendolo da pietre e laterizi e rendendolo fruibile al pubblico: un enorme passo avanti per l’apertura al pubblico del sito!

La prof.ssa Anna Maria Calderone, in rappresentanza del C.I.F. di Casteltermini, si è detta molto soddisfatta delle passate collaborazioni fra il C.I.F. e l’Associazione Miniera-Museo di Cozzo Disi, auspicando che il rapporto si estenda anche in futuro per altri eventi e manifestazioni. Il sig. Filippo Giannone, in rappresentanza della Mannino Zolfi Ventilati S.P.A., ha illustrato come a Cianciana sia stato possibile creare una fabbrica di zolfo, mentre l’arch. Maria Giammarresi, residente del B.C.S. (Beni Culturali Siciliani) Bagheria è intervenuta sul possibile e fattibile impatto turistico che un sito come Cozzo Disi può avere in campo nazionale ed internazionale.

Il sindaco di Casteltermini, dott. Gioacchino Nicastro, figlio di minatore, ha esternato il proprio compiacimento per l’inserimento del sito di Cozzo Disi nel circuito nazionale FAI per i giorni 24-25 marzo 2018, giornate in cui gli studenti dell’I.I.S.S. “Archimede” sede Casteltermini faranno da ciceroni a quanti vorranno visitare le nostra miniera. L’ing. Antonio D’Aquila ha raccontato del rapporto particolare che lega da sempre la sua famiglia alla miniera. Per lui e la sorella Cozzo Disi è la casa paterna; la sorella, fra i presenti all’evento, è nata proprio dentro Cozzo Disi. Ed è lui che dal 1° gennaio 1999, inizio dei lavori della galleria Canalotto, sovrintende ai lavori di ripristino e sicurezza. Il geologo Angelo La Rosa ha delineato la figura del padre, uno dei tanti “carusi” che in tenera età venivano messi a lavorare alla miniera Trabia-Sommatino di Riesi, auspicando che la passione per la miniera e la sana politica sappiano veramente valorizzare il patrimonio che abbiamo fra le mani.

L’ing. Vittorio Nocera, della delegazione del FAI per la provincia di Agrigento, ha invitato tutti a visitare il sito minerario durante le due giornate FAI di primavera. Una visita, ha ribadito, in assoluta sicurezza, dove i ragazzi illustreranno man mano il processo produttivo della miniera. Gli interventi si sono conclusi con la testimonianza del sig. Carmelo Antinoro, ex minatore.

Ma sono stati i ragazzi, le scuole con i loro progetti che hanno animato gran parte dell’evento in questione: la classe 3°A del Liceo Scientifico “Madre Teresa di Calcutta” che ha illustrato il progetto portato avanti durante l’Alternanza scuola-lavoro – la musealizzazione della miniera – i ragazzi del già citato dell’I.I.S.S. “Archimede” sede Casteltermini che, oltre a descrivere i loro progetti tecnici e tecnologici, hanno ulteriormente invitato ad aderire all’iniziativa delle giornate FAI di primavera. E piacevolmente coinvolti alla manifestazione sono state alcune scolaresche di fuori: le classi V del plesso S.  Maria dell’I.C. Giovasnni XXII di Cammarata. e le classi dell’I.C. di Stato A. Veneziano di Morreale. 

Per tutti attestati di merito e targhe ricordo. Un bellissimo evento ricco di interventi, nuovi spunti per la musealizzazione del sito di Cozzo Disi, nuovi apporti tecnologici e creativi da parte dei ragazzi, che si sono mostrati interessatissimi ed entusiasti nel dare il loro contributo al paese di Casteltermini, un paese che dobbiamo far rinascere tutti insieme sia culturalmente che economicamente: l’esempio e l’impegno dei ragazzi sia da stimolo e da volàno per le Istituzioni e per i cittadini tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *