#seseialcocoasivede

Casteltermini: il “Madre Teresa di Calcutta” legge Camilleri in occasione di “Libriamoci”

Redazione SikeliaNews 28 Novembre 2018 0
Casteltermini: il “Madre Teresa di Calcutta” legge Camilleri in occasione di “Libriamoci”








Casteltermini, 28-11-2018 (SikeliaNews) Nella sede di Casteltermini del’II SS “Madre Teresa di Calcutta”, mercoledì 21 Novembre, ha avuto luogo una lettura ad alta voce del libro di Camilleri La scomparsa di Patò. Lettori d’eccezione Mariano Firrera, il sindaco di Vigata nella trasposizione cinematografica e Tano Maratta, attore e regista castelterminese. Referenti del progetto i docenti Michele Rondelli e Giovanna Caruso Licata. L’occasione è stata offerta da “Libriamoci”, una manifestazione voluta dal MIUR.

I lavori sono stati preceduti dal saluto della Dirigente Scolastica Prof.ssa Marika Helga Gatto, la quale ha sottolineato come negli anni il progetto “Libriamoci” ha contribuite all’Istituto da lei diretto di incrementare le competenze di lettura e di comprensione del testo.

Ma cos’è “Libriamoci”?! “Libriamoci” è un progetto del MIUR che propone una serie di letture «“a voce alta”, in tutte le scuole d’Italia, dall’infanzia alle superiori, e in molte scuole italiane all’estero, animati dalle letture più diverse – romanzi, giornali, poesie, racconti, pièce teatrali, storie mute – e con una partecipazione davvero corale.

Alle migliaia di insegnanti e centinaia di migliaia di alunni di ogni età, si sono uniti scrittori, giornalisti, attori, sindaci e assessori, volontari di associazioni, genitori e nonni, privati cittadini: ciascuno ha contribuito con la propria voce e passione, diventando ambasciatore della lettura e aiutando a costruire una rete sempre più fitta di collaborazione culturale sul territorio» (www.libriamociascuola.it).

Quest’anno la scuola ha scelto di leggere un libro di Andrea Camilleri La scomparsa di Patò; la lettura però non si è limitata a questo perché, approfittando della presenza di Mariano Firrera attore nella trasposizione cinematografica, è stato fatto un parallelo tra i contributi letti e le scene del film, proiettate alla fine di ogni lettura. Molto coinvolgente è stato lo stile di lettura di Tano Maratta, che a volte con ironia altre con pathos ha coinvolto i ragazzi. Mariano Firrera ha svelato alcuni segreti delle riprese del film. La presentazione dell’autore è stata fatta dalla prof.ssa Caruso Licata, mentre il prof. Rondelli ha introdotto l’opera. “Libriamoci” è stata anche un’occasione per ricordare il compianto Fabrizio Giuliano, apprezzato attore castelterminese anche lui attore nel film.

Il Liceo “Madre Teresa di Calcutta” crede molto nella lettura come strumento di elevazione culturale e umana, e anche le sedi di Cammarata e di Santo Stefano Quisquina, rispettivamente nelle giornate del 27 e 29 Novembre propongono simili iniziative.

Articolo redatto dalla Prima A (2018/2019) del Liceo Scientifico  “Madre Teresa di Calcutta”.

Lascia un commento »