QUALCOSA DI BELLO (di Federica Vattano)




Casteltermini 27/01/2019 (SikeliaNews) – Per costruire qualcosa di bello è importante procedere a piccoli passi, non tanto il fatto di fare grandi gesti, a dimostrazione dell’affetto e della felicità. Scordatevi rose, lume di candela, spesso uno sguardo dice più di mille parole, camminare fianco a fianco è meglio di decantare promesse, perché è risaputo: quest’ultime sono fatte per essere infrante!

Per costruire qualcosa di bello è importante “esserci”, non solo quando tutto è stupendo e meraviglioso, ma esserci veramente vuol dire, metaforicamente, reggere l’ombrello nelle brutte giornate, fare da ancora nelle tempeste. Per costruire qualcosa di bello è importante essere sinceri, autentici, senza finzione e senza maschere. È necessario camminare, non su binari paralleli che non s’incontrano mai, ma sulla stessa strada, supportandosi. Per costruire qualcosa di bello è importante andare insieme, anche se non “mano nella mano”, perché gli essere umani hanno bisogno dell’unicità e della propria individualità, le mani possono essere gli sguardi o capirsi, semplicemente, al volo.

Percorrere la stessa strada vuol dire unire le ombre, il proprio essere con quello dell’altro, ma senza dimenticarsi della propria essenza ed esistenza. Per costruire qualcosa di bello ci vuole impegno, spontaneità, ma anche tanto sacrificio e pazienza. Bisogna essere abili manovali: facendo ottime basi, buon materiale e mattoni messi bene. Non è necessario scrivere manoscritti infiniti de “Il manuale dei rapporti umani”, perché bisognerebbe che l’uomo fosse più umano o semplicemente che volesse veramente bene e facesse tutto quanto per il bene dei suoi simili.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *