Accendono la stufa a gas e scoppia l’incendio: due casi nelle ultime ore




da agrigentonotizie.it

Ancora due incendi domestici determinati da altrettante bombole di gas. E’ accaduto, ieri, in abitazioni di Campobello di Licata prima e San Giovanni Gemini dopo. Ad accorrere, da un capo all’altro dell’Agrigentino, sono stati i vigili del fuoco. Tanta la paura per i proprietari delle due diverse case, pochi – per fortuna – i danni: pareti annerite e qualche mobile bruciacchiato. I vigili del fuoco dopo aver avuto la meglio sugli incendi, si sono occupati della sicurezza delle abitazioni. Nessuno è, per fortuna, rimasto ferito.

Quanto è avvenuto a Campobello di Licata e a San Giovanni Gemini – creato dall’accensione di bombole a gas – non sono che gli ennesimi episodi verificatisi in provincia di Agrigento. I pompieri, ieri, hanno prima tamponato le fiamme di via Napoli a Campobello e poi, a metà mattinata, in via Michele Bianchi a San Giovanni Gemini.

Qualche settimana addietro, un fatto analogo era accaduto in via Rina a Realmonte: la fuoriuscita di gas da una bombola ha fatto scoppiare un rogo all’interno della cucina di un’abitazione. Prima – ma in quel caso s’è rischiato grosso – un fatto analogo si è registrato a Raffadali dove è, appunto, esplosa una bombola del gas che alimentava una stufa.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *