Nella Valle dei Templi si miete il grano degli Dei, Vita: “C’è tanto da fare ma con i sacrifici i risultati arrivano”




da agrigentonotizie.it

Un vasto tappeto dorato su cui domina, maestosa, la collina sacra di Akragas, con i suoi templi dorici che per secoli sono state sentinelle del  duro lavoro che dai campi, ha reso possibile sfamare diverse generazioni di agrigentini. Poi con l’avvento dell’agricoltura intensiva e la priorità data  allo sviluppo turistico finalizzata alla sola presenza dei beni archeologici, questi terreni sono stati progressivamente abbandonati.

Da qualche anno però le mutate esigenze  progettuali, hanno indotto l’ente Parco a ridare vita a quei terreni, recuperando e valorizzando le coltivazioni della tradizione cerialicola.

Ed ecco dunque che nella piana di San Gregorio, 20 ettari  di terreni sono stati dati in gestione ad una cooperativa di giovani imprenditori  per la produzione di due varietà di grani antichi siciliani: la Tumminia e il Russello.

La mission è quella di trasformare il frutto delle dorate spighe in farina e pasta con un marchio che ha nella Valle dei Templi il suo naturale certificato di garanzia. La riscoperta di queste varietà di cereali è un fenomeno in forte espansione, soprattutto in Sicilia dove sono oltre cinquanta le tipologie di grano antico, un ritorno al passato  dovuto anche alle nuove politiche in materia di corretta e sana alimentazione. Molti giovani imprenditori dunque, ripercorrono le orme dei loro antenati, investendo nei campi per il loro futuro.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *