Cordepazze vincono Musicultura 2014

Le Cordepazze si aggiudicano il Premio della Critica a Musicultura 2014

Macerata – 23/06/2014 – (SikeliaNews) – Déjà vu. Come in un flashback, il tempo balza indietro fino al 2009. Le Cordepazze bissano la vittoria del Premio della Critica. Musicultura, evidentemente, porta bene alla rinomata e apprezzata band palermitana, composta da Alfonso Moscato (voce e chitarra), Michele Segretario (suoni sintetici), Vincenzo Lo Franco (batteria) e Francesco Incandela (violino e mando elettrico).

Una vittoria dal sapore dolce, una vittoria sperata e reclamata da tutti i fans, una vittoria che lo stesso Frizzi annuncia con un velato senso di soddisfazione.

Subito i selfie post-vittoria sui social, a dimostrazione dell’entusiasmo che s’è creato attorno a questa nuova e importante conquista delle Corde, vogliosi di comunicarlo al mondo intero.

Non possiamo che andarne fieri, di augurare loro un prosperoso futuro, di augurare loro di suonare tanto e di girare – in lungo e in largo – la nostra bella penisola (e magari anche qualche gita fuori porta, non dispiacerebbe). Una band che si è autoprodotta, che scrive e arrangia i propri pezzi in maniera eccellente, che, a dispetto delle Major, continua, imperterrita, a lavorare sodo, consapevole che il sacrificio, alla fine, ripaga sempre in qualche modo.

Vi lasciamo, amici lettori, con il video del soundcheck del brano finalista a Musicultura 2014, con la speranza che tutto ciò non rimanga un fuoco di paglia, ma che sia la miccia che permetterà alle Cordepazze di esplodere e consacrarsi definitivamente.

[youtube id=”GTtnS4bJW1A” width=”600″ height=”350″]

1 thought on “Le Cordepazze si aggiudicano il Premio della Critica a Musicultura 2014

  1. A livello artistico a Casteltermini ci sarebbero tanti fiori all’occhiello, di gruppi dove ci sono nostri compaesani e anche singole persone che riescono a distinguersi dalla massa. Peccato che le classi dirigenti del paese siano sorde e cieche e non sanno elogiarsi di questo e non cercano in alcun modo di finanziare e creare infrastrutture per l’arte e per lo sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *