Con l’ultimo “Lampo nel Buio” presentato il libro di Michele Rondelli “…di Casteltermini e altre suggestioni”

Casteltermini, 01 10 2018 (SikeliaNews) Si è conclusa con la presentazione del Libro “…di Casteltermini e di altre suggestioni”, di Michele Rondelli, la rassegna di SikeliaNews “Lampi nel buio”. La rassegna è arrivata a normale (quasi) conclusione grazie alla collaborazione sinergica de “Il Sorriso”. L’associazione di via Sturzo ha messo a disposizione i locali, le sedie e tutto quello che serviva per realizzare la manifestazione. Senza “Il Sorriso” la rassegna probabilmente si sarebbe fermata al primo incontro, per questo Sikelia a nome suo e a nome di tutti quelli che hanno a cuore “Lampi nel Buio” ringrazia il Direttivo, i Genitori, i Volontari e i Ragazzi.

L’incontro con Michele Rondelli, che poi è il nostro editor, ha visto la puntuale l’introduzione della Dott.ssa Anna Maria Calderone, che ha curato la prefazione del libro. Anna Maria Calderone ha sottolineato come l’autore, pur citando spesso i grandi autori siciliani, tende a valorizzare e far conoscere luoghi, avvenimenti e personaggi locali. <<L’autore – ha detto la Calderone in un passaggio – non ha la pretesa di proporre verità assolute>>. Rondelli,  con le sue “suggestioni” spinge leggere studiare e approfondire gli argomenti trattati dai suoi articoli e dai suoi saggi.

La chiacchierata è stata poi condotta da Francesco Mallia e Rita Bellanca, l’autore non si è sottratto alle domande e, con il prezioso supporto tecnico di Francesco Mondello, ha provato a chiarire alcuni aspetti del libro a cominciare dal titolo: “…di Casteltermini e di altre suggestioni”, passando per “L’elogio dell’edicolante” dedicato alla figura dello “zio” Carmelo Lombardo e per estensione a tutti gli edicolanti dei piccoli paesi. Molta curiosità hanno destato i passaggi su Cervantes, Quasimodo e Vittorini. Il pubblico attento ha interagito con la discussione contribuendo a chiarimenti e approfondimenti. È anche emerso un rapporto conflittuale dell’autore con il web, sottolineato sia da Anna Maria Calderone sia da Rita Bellanca. L’incontro ha visto la presenza di Enzo Puccio, vicesindaco del Comune di Casteltermini, che ha concesso il patrocinio gratuito. L’ultima riflessione è stata riservata allo stato della cultura a Casteltermini e alle iniziative che si possono mettere in campo in questa direzione.

La presentazione ha fatto emergere come si tratti di un libro molto interessante, specie per chi ama Casteltermini, le sue tradizioni, le sue storie e i suoi personaggi, il tutto visto dalla personale angolatura dell’autore, il quale si è divertito a rincorrere e scovare Casteltermini in vari libri di autori siciliani per poi approfondire, confrontare e confutare.

La rassegna culturale di Sikelianews: Lampi nel Buio quest’anno ha avuto come tema la “Scrittura e lettura a Casteltermini”, dal 18 Luglio al 28 settembre ha visto alternarsi vari autori, castelterminesi e non, che hanno parlato delle loro opere davanti al pubblico di SikeliaNews.

         Il primo incontro, quello del 18 luglio, è stato con Mario Mallia, autore del libro “Casteltermini nel Dopoguerra”, era presente anche l’editore del libro, Antonio Liotta (Medinova), che ha descritto minuziosamente il lavoro svolto dalla sua casa editrice, la ricerca continua di nuovi scrittori e nuovi lettori e, soprattutto, di come sia cambiata la scrittura all’interno di un grande contenitore qual è il web. L’editore ha poi continuato delineando le fasi della pubblicazione del libro “Casteltermini nel Dopoguerra” e puntualizzando l’impegno profuso per il nostro paese da parte dell’autore Mario Mallia, impegno che Mario traduce in amore per la propria terra e le proprie radici.

 Il secondo appuntamento ha avuto come protagonista Antonella Scarnà, autrice di “Sapori e tradizioni di un tempo dimenticato. Dalla Chiacchierata con Sikelia è emersa la “normale” straordinarietà di questa donna, mamma a tempo pieno che riesce a fare il pane, buonissimo a detta del pubblico, e biscotti in casa, occuparsi delle faccende domestiche, scrivere collezionare conservare e pubblicare le ricette della nostra tradizione, quei sapori che risvegliano la nostalgia di un tempo dimenticato. Antonella insomma non si ferma mai, non lesina a nessuno il suo sorriso e la sua allegria coinvolgente. Il libro “Sapori e tradizioni di un tempo dimenticato” è letteralmente andato a ruba, già dopo una settimana è andato in ristampa, i nostri emigrati lo hanno già accolto come un oggetto di culto.

         Il terzo appuntamento, ospitato sempre dall’ Associazione “Il Sorriso”, ha visto la presenza dell’autore di Noir Roberto Mistretta, che ha presentato la sua ultima uscita “Il canto dell’upupa” (Fratelli Frilli Editori).

Una prima introduzione dedicata al genere Noir, in particolare al Noir Mediterraneo, è stata curata da Michele Rondelli. Eleonora Firenze ha magistralmente condotto il pubblico nei meandri narrativi de “Il canto dell’upupa”. Roberto Mistretta non si è sottratto alle domande e alle sollecitazioni dei due compagni di chiacchierata. Una piacevole serata dedicata alla cultura, impreziosita dall’evocative letture di Tano Maratta e dal suggestivo intervento di Roberta Florio.

Molta curiosità ha destato tra il pubblico questa seconda indagine del Maresciallo Bonanno, “Il canto dell’upupa” è un libro ben scritto, la  grande leggibilità si coniuga perfettamente con la serietà degli argomenti trattati, rendendo la lettura godibile e accattivante.

Il 27 luglio alla presenza dell’Assessore alla cultura Claudia Di Gregorio e ospitata ancora una volta dall’Associazione “Il Sorriso”, la quarta puntata di “Lampi nel Buio” rassegna culturale di SikeliaNews. A chiacchierare con Michele Rondelli, nostro Editor, e con Francesco Mallia, responsabile per la Storia Patria di SikeliaNews è stato l’autore Gianfranco Lo Bue, che ha presentato la sua ultima uscita “La Croce di Casteltermini – la Leggenda la Fede e la Storia”. L’autore ha prima compiuto una breve disamina sulla simbologia della croce e sulla diffusione del Cristianesimo. Spiegando il perché della sua ricerca, ha messo in connessione la croce di Casteltermini con il certosino lavoro di studio deduttivo, alla fine l’autore è arrivato alle conclusione che la Croce di Casteltermini non è un reperto paleocristiano. Si è poi aperto un acceso dibattito che ha visto coinvolti l’autore e il pubblico.

Il quinto appuntamento è stata una piacevole chiacchierata con Pietro Amorelli, autore del libro “Ti penso pure da Casteltermini (cent’anni di cartoline)”. Moderatore dell’incontro l’Editor di Sikelia Michele Rondelli, che ha illustrato al pubblico come la passione per la filatelia abbia portato il nostro autore ad interessarsi, oltre che dei francobolli, anche degli annulli postali e quindi, di conseguenza, delle lettere, delle cartoline postali ed illustrate. La parola è poi passata a Francesco Mallia, responsabile per la Storia Patria di SikeliaNews, il quale ha proseguito facendo rilevare ai presenti quale e quanta importanza abbia uno studio del genere per la storia di Casteltermini, studio che si è protratto per tanti anni, vista la mole di notizie e di cartoline che Pietro Amorelli è riuscito a raccogliere e pubblicare. La Blogger di SikeliaNews Rita Bellanca ha invece puntualizzato l’attenzione e rivolto all’autore specifiche domande riguardanti le peculiarità di alcune cartoline inserite nel libro che hanno destato l’attenzione di molti lettori, cartoline che costituiscono un unicum sia per Casteltermini e sia anche per l’ambiente filatelico.

        Nel sesto appuntamento di “Lampi nel Buio”, con il patrocinio gratuito del Comune di Casteltermini, la collaborazione de “Il Sorriso” e delle sezioni agrigentine dell’ANCRI e dell’AICS, si è parlato con il Prof. Francesco Pira di Fake news e misinformation, tema di stringente attualità. hanno chiacchierato con l’autore Michele Rondelli e Francesco Spicola di SikeliaNews. L’incontro è stato preceduto dai saluti di Claudia Di Gregorio, Assessore alla Cultura;  del Dott. Cav. Giuseppe Petix, Presidente Provinciale AICS Agrigento e del Cav. Pietro Sicurelli, Presidente Provinciale ANCRI Agrigento.

 “È un progetto –  ha spiegato il professor Francesco Pira autore del volume –  che parte non solo dall’amore verso la comunicazione, ma da un lavoro di analisi e ricerca durato quasi due anni per individuare case history, teorie nuove, ricerche sui trend e sul consumo dei media per accendere le luci su un mondo in costante cambiamento e che richiede sempre più competenza e professionalità. I media tradizionali non sono morti, ma si possono salvare solo puntando su qualità, inchieste e approfondimento” .

         Venerdì 7 settembre alle ore 18:00 abbiamo avuto il piacere e l’onore di presentare al pubblico il libro “Don Emanuele Samaritano”, curato da Enzo Di Bernardo.

Michele Rondelli e Carmelo Sciarrabone si sono intrattenuti a conversare piacevolmente col curatore del libro, Enzo Di Bernardo. Alla presentazione ha dato il suo contributo Nicola Palmeri, nipote dell’indimenticato Don Emanuele Samaritano.

Don Emanuele Samaritano ha lasciato in tutta la comunità di Casteltermini dei ricordi indelebili ed è rimasto principalmente nel cuore dei tanti giovani che negli anni hanno frequentato l’Oratorio Don Bosco, tuttora attivo. Con Enzo Di Bernardo abbiamo ripercosso il cammino di vita e di fede del nostro amato parroco e dei tanti giovani che sono cresciuti sotto la sua benevole luce. Nicola Palmeri ha incantato ed emozionato il pubblico con un video dedicato a Don Emanuele, zio amorevole e a lui tanto caro.

L’ultimo “lampo” è stato il già raccontato incontro con Michele Rondelli e le sue “Suggestioni”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *