CARNEVALE CASTELTERMINESE 2020: ALLEGRIA E… SENSIBILITÀ

Ha preso il via ieri pomeriggio il Carnevale Castelterminese 2020. Come ogni anno gli organizzatori – tutti ragazzi, ci tengo a precisarlo –  si sono impegnati nella preparazione dei carri che poi sfileranno per le vie del paese. Un lavoro certosino e non privo di difficoltà, ma ai nostri ragazzi questo non spaventa, perché per loro più ardua è l’impresa e più proveranno soddisfazione quando la gente li ringrazierà per aver fatto trascorrere loro giornate piene di allegria e spensieratezza. E di soddisfazioni ne raccolgono sempre tante!

Quest’anno i carri sono due e rappresentano due grandi potenze mondiali: la Cina e gli Stati Uniti d’America. Carri maestosi e coloratissimi che verranno fatti sfilare anche oggi pomeriggio, poi martedì mattina, con il coinvolgimento delle Scuole Elementari e Materne, per poi sfilare un’ultima volta martedì pomeriggio fino a tarda notte e salutare così il Carnevale 2020 che va via.

Ieri pomeriggio i ragazzi-organizzatori, nel pieno della sfilata, raggiunta la centralissima Piazza Duomo, hanno voluto ricordare la prematura scomparsa del piccolo Salvatore Sclafani, il bimbo di soli 4 anni di Sciacca che è andato ad arricchire la sfera degli angeli in cielo. Carri fermi, musica stoppata, un rigoroso e commosso minuto di silenzio e alla fine un grande applauso per salutare il piccolo Salvatore.

Un Carnevale con un velo di tristezza questo, in cui è venuta fuori tutta la sensibilità dei nostri ragazzi, spesso tacciati di menefreghismo e di non sapersi più emozionare. Così non è, non è mai stato. I nostri ragazzi assimilano, interiorizzano e poi fanno venir fuori tutte le loro emozioni. Hanno solo bisogno di tempo e luoghi opportuni in cui poter esternare i loro sentimenti. E per arrivare a questo hanno bisogno di fare gruppo, di sentirsi parte integrante della società, di sentirsi “utili”.

Ecco… in questo senso – forse – pecchiamo un po’ noi grandi non coinvolgendoli nelle attività anche un po’ più complesse. Se li mettessimo alla prova – forse –  scopriremmo di quante e quali capacità abbiano: capacità artistiche, artigianali ed… emozionali.

Noi di Sikelia ci stringiamo con un abbraccio virtuale alla famiglia del piccolo Salvatore Sclafani e a tutta la comunità di Sciacca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *