Anteprima di 1893. L’Inchiesta della giornalista e documentarista siciliana Nella Condorelli.

Palermo, 11 10 2014 (Sikelianews) Si è svolta ieri, Venerdì 10 ottobre alle 11.00, l’anteprima di 1893. L’Inchiesta della giornalista e documentarista siciliana Nella Condorelli. Un documentario, realizzato con la collaborazione del Comune di Casteltermini e con la partecipazione, mamme al seguito, degli alunni della Scuola De Cosmi sempre di Casteltermini, dedicato a una pagina trascurata della storia italiana: la protesta del movimento dei Fasci Siciliani dei Lavoratori che, tra il 1891 ed il 1894, scosse con le sue rivendicazioni di giustizia sociale l’opinione pubblica nazionale ed europea.

10728882_10202887435887024_226276908_n

La Condorelli, tra fiction e animazioni, ricostruisce la storia della prima rivolta sociale repressa nel sangue dell’Italia unita prendendo spunto dall’inchiesta giornalistica realizzata nel 1893 dal giornalista Adolfo Rossi, inviato di punta del quotidiano romano La Tribuna. Alla vigilia della sanguinosa repressione del movimento da parte del governo Crispi, viaggiando per mezza Sicilia a dorso di mulo, Rossi scoprì che i Fasci erano centinaia, diffusi su tutto il territorio regionale, e che erano le donne ad animare a migliaia il cuore del movimento. Dal documentario traspare come il Fascio dei lavoratori di Casteltermini si caratterizzi come quello più numeroso della provincia di Agrigento e uno dei più importanti di Sicilia. Soddisfazione hanno espresso il sindaco Nuccio Sapia e la DS Gabriella Morreale per il contributo dato dai ragazzi della scuola elementare di Casteltermini, presenti alla manifestazione.

10717845_10202476368183319_1512302868_n

Il sindaco ha manifestato il desiderio di proiettare per le scuole e per la cittadinanza di Casteltermini 1893. L’Inchiesta, al fine di fare luce su un episodio che la storia ufficiale, in particolare quella che si insegna nelle scuole, tende a disconoscere.

Oltre a Nella Condorelli erano presenti gli interpreti: Alessandra Costanzo, Enrica Rosso, Federico Price Bruno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *