Una mimosa per Aung San Suu Kyi

Riceviamo e pubblichiamo

Casteltermini,08/03/2021

In occasione della Giornata internazionale della donna, nell’atrio esterno del plesso “N.Cacciatore“, gli alunni delle classi IA e IB hanno curato un momento di riflessione sul tema attualissimo dell’emancipazione femminile e del travagliato processo di rivendicazione del diritto ad una reale uguaglianza con gli uomini. In presenza  della Dirigente scolastica dott.ssa Graziella Parello, del vice-sindaco E.Puccio, degli assessori A. Palmeri, F. Mallia, F. Catalano, gli allievi hanno ripercorso la genesi della giornata dedicata alla donna, hanno meditato sul significato delle lotte e delle conquiste ottenute talvolta a costo della vita stessa.

Il tema della violenza sulle donne è stato affrontato in un monologo composto e drammatizzato da Adele Taibi, invece  poesie sulla capacità di autodeterminazione della donna sono state recitate da Giorgia Palumbo e Giovanni Vullo. A seguire è stata effettuata la piantumazione di due mimose, gradito dono da parte  di tutti i  genitori degli alunni delle classi sopraccitate. Il cuore della manifestazione è stata la dedica ad Aung San Suu Kyi, attivista birmana che lotta da molti anni per la difesa dei diritti umani nel suo paese oppresso da una rigida dittatura militare, diventata un’icona della non-violenza e per questo motivo insignita del premio Nobel per la pace nel 1991.

Una bella tela con il ritratto della donna realizzata dagli alunni Ruben De Marco, Federico Rao e Salvatore Mangione, reca una scritta molto significativa e che riassume il valore della determinazione e della tenacia in una lotta spesso impari: “Prevarremo perché la nostra causa è giusta, perché la nostra causa è fondata…La Storia è dalla nostra parte…Il tempo è dalla nostra parte.”( Aung San Suu Kyi )

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *